Archivi tag: abusi

Regno Unito. I Testimoni di Geova ignorano la richiesta del giudice che presiede la Commissione indipendente sugli abusi sessuali e ordinano la distruzione di documenti potenzialmente rilevanti per l’investigazione

Una copia della direttiva diramata dall’organizzazione geovista con cui si chiede la distruzione delle annotazioni sui casi di abuso, nelle mani dei giornalisti di WalesOnline

Ex anziano della chiesa geovista nel sud del Galles ha affermato che la chiesa è andata contro la richiesta formulata dal giudice Lowell Goddard

I Testimoni di Geova sono stati accusati di ordinare la distruzione di documenti in aperta opposizione a un ordine di non non procedere in tal senso proveniente da una importante inchiesta sugli abusi sessuali su minori.

Alle organizzazioni religiose, così come alle scuole, alle università e ad altre istituzioni, è stato comunicato dalla Independent Inquiry into Child Sexual Abuse (Commissione indipendente sugli abusi sessuali istituita a Londra) – guidata dal giudice Lowell Goddard – di conservare qualsiasi documento che potrebbe essere utile all’inchiesta.

Una richiesta trasmessa lo scorso anno agli organismi interessati ha stabilito che dovrebbero essere adottate misure “per garantire che tutto quanto di potenziale rilevanza per l’Inchiesta sia conservato“.

Gli anziani dei Testimoni di Geova ascoltano le  accuse contro i membri della congregazione e registrano quanto viene detto.

Abbiamo potuto vedere copia di una disposizione (edict) distribuita alle congregazioni dei Testimoni di Geova in tutto il Regno Unito che ordina la distruzione di “tutti gli ordini del giorno e dei verbali delle riunioni  degli anziani (esclusi i verbali degli incontri di lavoro)“, di “tutti gli appunti personali assunti alle riunioni degli anziani (a eccezione di quelli basati su discussioni di massima provenienti dallo ‘schiavo fedele e discreto’ e che non menzionino alcun particolare individuo) “e di ” qualsiasi altra storia personale, annotazioni o corrispondenza che fa riferimento a particolari individui “.

Riferendosi anche all’archivio di congregazione la disposizione dice inoltre che tutte le agende delle riunioni degli anziani devono essere distrutte e che i Comitati di Servizio di Congregazione dovrebbero “assicurarsi che tutti i documenti relativi alle molestie su minori siano conformi“.

Un ex anziano della chiesa di alto livello del Galles del Sud, che è stato testimone di Geova per più di mezzo secolo, ha detto che il contenuto del documento pone la chiesa geovista in netto contrasto con l’istanza dell’ Inchiesta indipendente.

L’uomo ha affermato: <<Il fatto è che esistono pericoli all’interno Testimoni di Geova come vi sono all’interno di altre organizzazioni – ma mentre osservo altre organizzazioni compiere passi per conformarsi con la sicurezza dei bambini, sembra che i Testimoni di Geova stiano andando nella direzione opposta. Stanno ancora cercando di gestire la cosa al proprio interno non rendendola trasparente “. Ha poi aggiunto: <<In base alle attuali regole, tutti i documenti personali, i promemoria, gli ordini del giorno e le annotazioni devono essere distrutte. Ciò significa che in futuro se i Testimoni di Geova saranno avvicinati dalla polizia  potrebbero affermare di non ricordare nulla>>.

Il giudice Lowell Goddard

<<Questo mi sembra un passo indietro, in particolare alla luce della richiesta del giudice Lowell Goddard che le organizzazioni conservino tutto quanto possibile per collaborare affinché le vittime possano essere aiutate nell’assicurare alla giustizia coloro che abusano>>.

IGNORATA LA RICHIESTA DEL GIUDICE

<<Perché se un’organizzazione sostiene di aborrire gli abusi sui minori, distruggerebbe i documenti che possono essere utili ad assicurare un molestatore di bambini alla giustizia? Quello che ho sperimentato personalmente è un rifiuto a collaborare, una chiusura  e un silenzio di  carattere pressoché ostruzionistico alle indagini di polizia..>>

Anche Karen Morgan, una vittima degli abusi sessuali di Mark Sewell, che una tempo era un anziano della congregazione di Barry, Vale of Glamorgan , ha criticato l’azione.

La donna ha affermato: <<Al tempo della mia vicenda, alla polizia venne detto che non esisteva documentazione relativa al mio caso poiché era stata distrutta. Le carte avrebbero dovuto contenere tutte le prove documentate dai numerosi incontri con gli anziani. Pur conoscendo l’importanza di questi documenti il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova sembra stia intenzionalmente istruendo i propri anziani a non conservali. Questo non fa che confermare la mia opinione che il Corpo Direttivo sia più interessato a proteggere la propria immagine che a prendersi cura delle vittime>>.

Caduto in disgrazia il manager Sewell è stato imprigionato nel 2014 dopo essere stato condannato a un totale di otto imputazioni per reati sessuali .

Un portavoce della chiesa geovista ha affermato: <<Siamo impegnati a fare tutto il possibile per prevenire gli abusi sui minori e per fornire conforto spirituale a tutti coloro che hanno sofferto di questo terribile peccato e crimine>>.

Parlando della disposizione trapelata,  il portavoce ha aggiunto: <<Il documento … è semplicemente un promemoria annuale inviato agli amministratori della congregazione per incoraggiarli a seguire le procedure standard in modo da assumersi le proprie responsabilità in base alla normativa sulla tutela dei dati personali e ad altre disposizioni legislative>>.

Inoltre portavoce ha detto: <<I testimoni di Geova aborriscono pedofilia e la vedono come un crimine atroce e un peccato. La sicurezza dei nostri figli è della massima importanza. Per decenni le nostre riviste La Torre di Guardia e Svegliatevi !, così come il nostro sito jw.org , hanno pubblicato articoli per  i Testimoni di Geova e per il pubblico in generale su come proteggere i bambini dagli abusi. Noi non abbiamo clero pagato. Gli anziani di congregazione rispettano le leggi di segnalazione dell’abuso infantile e i principi di protezione dei dati contenuti nel Data Protection Act del 1998. (Romani 13: 1) Forniscono alle vittime di abusi e alle loro famiglie conforto spirituale dalla Bibbia. (Isaia 32: 2; 1 Tessalonicesi 5:14). La vittima e il suo o i suoi genitori hanno il diritto assoluto di denunciare il fatto alle autorità governative. (Galati 6: 5) Gli anziani di congregazione non proteggono gli abusatori dalle autorità o dalle conseguenze delle loro azioni. (Galati 6: 7). Chiunque commette il peccato di abusi sui minori affronta l’espulsione dalla congregazione. Se una persona sta servendo in una posizione di responsabilità viene rimosso. Ogni insinuazione che i testimoni di Geova coprano gli abusi sui minori è assolutamente falsa>>.

Un portavoce della Independent Inquiry into Child Sexual Abuse ha dichiarato: <<La Presidenza ha fatto presente che l’inchiesta indagherà gli abusi in tutti i contesti religiosi (tra cui tutte le fedi e tradizioni religiose) e ha emesso una lettera di intimazione di conservazione / non-distruzione dei documenti indirizzata ai leader delle 18 principali organizzazioni religiose>>.

 

Articolo originale a firma di 

 

Libera traduzione tratta dal blog favisonlus

https://favisonlus.wordpress.com/2016/02/07/regno-unito-i-testimoni-di-geova-hanno-ordinato-la-distruzione-di-documenti-che-avrebbero-potuto-essere-utilizzati-nellambito-della-commissione-indipendente-sugli-abusi-sessuali-istituita-a-lon/

FONTE ORIGINALE: WalesOnline

http://www.walesonline.co.uk/news/wales-news/jehovahs-witnesses-ordered-destruction-notes-10848053

Annunci

SPECIALISTA RACCONTA LA SUA ESPERIENZA CON VITTIME DI ABUSI NEI TESTIMONI DI GEOVA E SCATTA LA DENUNCIA PER DIFFAMAZIONE DA PARTE DELL’ORGANIZZAZIONE IN SVIZZERA. MAGISTRATO RIGETTA L’ATTO

22 Ottobre 2015

Specialista in psicotraumatologia con competenze nel trattamento dei pazienti affetti da DPTS dichiara “Ogni mio paziente cresciuto nei testimone di Geova, ha subito abusi”. L’associazione dei Testimoni di Geova in Svizzera la denuncia ma il giudice rigetta l’atto.

In un’ intervista rilasciata a WATSON lo scorso maggio, Anne Gunkel fisioterapista, specialista in psicotraumatologia con competenza nel trattamento di  persone affette da disturbo post-traumatico da stress (DPTS), parlando della sua esperienza professionale, aveva raccontato come tra i suoi pazienti vi fossero molte vittime di abusi e violenza sessuale in contesti comunitari e cultuali, in particolare tra ex testimoni di Geova. Al riguardo aveva dichiarato  “praticamente ogni mio paziente cresciuto nei Testimoni di Geova è stato vittima di abusi“. La consulente  aveva spiegato, tra l’altro, che i bambini cresciuti nell’organizzazione geovista subiscono una forte pressione per tutto l’arco dell’infanzia, hanno poche relazioni con il mondo esterno, considerato, secondo il credo della confessione, come viziato e privo, per i non testimoni, di ogni possibilità di sopravvivenza all’evento della fine del mondo.

La consulente, aveva inoltre riferito come gli abusi, consumati all’interno della famiglia o a opera degli stessi anziani di congregazione, venissero tenuti nascosti, spiegando anche che per dimostrare un fatto di violenza sessuale, -in base a una regola interna all’organizzazione-, fosse necessaria la parola di almeno due testimoni, evenienza impossibile secondo la stessa professionista.

Per Anne Gunkel, le sorti della vittima non sarebbero d’interesse per i Testimoni di Geova, mentre altro trattamento riceverebbe il colpevole o l’aggressore eventualmente estromesso, che con un un atto di pentimento, verrebbe reintegrato nell’organizzazione. Alla domanda postale su chi avesse il compito di intervenire, la specialista aveva risposto che lo Stato dovrebbe provvedere al monitoraggio di un’organizzazione che, a suo parere, si configura come una setta antidemocratica. Secondo il Rapporto annuale 2014 redatto dall’accreditato centro INFOSEKTE, di cui si fa cenno in un riquadro nel medesimo articolo, le maggiori richieste di informazioni e consulenza concernono proprio Testimoni di Geova e Scientology, con un significativo aumento nel corso degli anni. In particolare per il centro, queste due confessioni, presenterebbero alcuni paralleli, tra cui l’ignorare esigenze e diritti dei minori.

La risposta dell’Associazione svizzera dei Testimoni di Geova alle considerazioni di Anne Gunkel, non si era fatta attendere e il 14 luglio, l’avvocato incaricato Olivier Huber, aveva sporto denuncia nei suoi confronti per diffamazione. Il parere sul caso è arrivato questo mercoledì. Per la procura non sussistono le condizioni che giustifichino l’apertura di un procedimento, in quanto le osservazioni di Anne Gunkel non fanno espresso riferimento all’Associazione dei Testimoni di Geova in Svizzera, ma alla comunità religiosa in generale.

Anne Gunkel ha espresso soddisfazione per la decisione, mentre l’avvocato Huber, non ha rilasciato al momento commenti. Anche per Hugo Stamm, noto e riconosciuto esperto di culti abusanti, (a sua volta oggetto di numerose molestie e denunce per la sua attività di sensibilizzazione e prevenzione del fenomeno delle cosiddette sette), la regola dei due testimoni, non solo non consentirebbe di accertare il fatto criminale ma finirebbe col protegge indirettamente il colpevole.

 

Testo liberamente tratto dall’articolo a firma di Rafaela Roth  “Zeugen Jehovas zeigen Beraterin von Missbrauchsopfern wegen übler Nachrede an – und blitzen ab” pubblicato in data 22 ottobre 2015 su Watson

Vedi approfondimenti alla fonte originale:

http://www.watson.ch/Schweiz/Justiz/549251076-Zeugen-Jehovas-zeigen-Beraterin-von-Missbrauchsopfern-wegen-%C3%BCbler-Nachrede-an-%E2%80%93-und-blitzen-ab